domenica 24 agosto 2014

Incontro

Ci siamo incontrati, 
un giorno, io e la poesia. 
Non era tra i fiori e il prato, 
non era tra il mare e il cielo, 
non era tra l'amore e le stelle. 
Ci siamo incontrati 
dove c'era dolore, 
nei pensieri che naufragavano, 
nelle luci che non s'accendevano. 
Mi ha trascinato a Sud dello sconforto, 
mi ha portato a Nord dell'esaltazione 
ma ha filmato per me 
immagini bellissime 
che hanno fatto del mio scrivere 
una chimera, un sogno, 
perché io sento come un lupo 
la libertà della foresta, 
io sento come una piuma 
la tenerezza del pulcino. 
La mia mente varca 
la soglia dell'oltre-spazio 
per cercare un presente 
con nobili inganni 
e non abbassa lo sguardo 
davanti alle guardie del tempo. 
E falciando la gramigna 
tra le erbe buone, la poesia 
mi dice che è contenta di me 
che ho imparato a nutrire 
le illussioni dei figli di Erato.  
        Autore: Ivana Tata @tutti i diritti riservati



Posta un commento